Integrative Holistic Body Emotional Sistem

Sessione 13


Il Cambiamento

Cambiare, quando non si è pronti a farlo, raramente produce dei miglioramenti

Sergio Sicccardi

Per prima cosa è bene definire cosa si intenda, nel Metodo Ihbes®, per Cambiamento:

definiamo Cambiamento quelle scelte che consentono l'evoluzione della Coscienza, cambiare significa modificare il modo di pensare e di agire generando così una realtà nuova in cui ci si possa sentire più autentici e realizzati.

Cambiare significa essere diversi, non solo fare cose diverse.

 

Spesso viene ritenuto Cambiamento il sostituire l'automobile, la casa, fare corsi, comprare cose, variare il modo di vestire, il posto in cui andare vacanza, viaggiare, praticare un nuovo sport, ecc. ecc.

Ci sono Persone che  compulsivamente attuano molti cambiamenti: aspetto, lavoro, partner, interessi, ecc.

Sono cambiamenti fitizzi che vengono messi in atto quando in realtà non si vuole realmente o non si è pronti a Cambiare, ma solo a modificare qualcosa.

In tutti questi casi la ricerca di cambiamento ha poco successo: hai fatto cose diverse, ma il senso di insoddisfazione che ti a spinto a farle non diminuisce, anzi sembra quasi aumentato.

 

Riteniamo che per cambiare sia prima necessario conoscersi, vale a dire in sintesi:

  • sapere quale è la nostra indole in modo da fare scelte conformi ad essa;
  • mettere in atto un comportamento originale di fronte a nuovi eventi senza essere più influenzati da Vissuti precedenti
  • sapere eludere le trappole del carattere;
  • saper bilanciare il dare con il ricevere;
  • accettarsi e amarsi per come si è.

Quando inizi un qualunque Percorso di Crescita Personale ti trovi subito di fronte alla pressione del Cambiamento.

Le vecchie modalità di relazione, per quanto siano state fondamentali al funzionamento del tuo sistema vivente e alle relazioni con gli altri e la società, non sono più sufficienti o adeguate.

Ti rendi conto che hai bisogno/timore di affrontare il Cambiamento, la necessità di rinnovare i tuoi punti di vista e di ricostruire le relazioni in modo diverso da prima.

Senti il bisogno di cambiare qualcosa ma non sai ancora bene cosa vuoi cambiare.

la tua domanda sarà: "cosa non va bene in me?" Lavorerai cercando dove sei sbagliato.

In questo modo l’energia necessaria per generare un cambiamento reale resta intrappolata nell’operazione costante ed estenuante di mantenere aperto il divario tra ciò che sei e ciò che vorresti essere.

 

Con Metodo Ihbes® le cose vanno diversamente.

Nelle precedenti Sessioni e Esercizi hai fatto un buon lavoro introspettivo, hai avuto modo di rivisitare il tuo passato e prendere visione delle tue diverse modalità relazionali. Raggiunto questo risultato, qualunque cambiamento desideri fare sarà semplice in quanto avrai ormai integrato molte delle tue parti.

la tua domanda sarà: "come può essere meglio di così?"

 

adesso cosa semplicemente serve è riconoscere quali aspetti della tua vita affettiva, lavorativa e sociale, quali tue abitudini non ti soddisfano: nessuno ti obbliga a stare dove e come non vuoi.

Che cosa vuoi cambiare o migliorare per sentirti autentico, integro, felice, per scoprire nuovi valori e orizzonti?

Potrebbe essere considerato un "esame di coscienza" da farsi in uno stato di assoluta tranquillità e serenità.

In questo passaggio è inutile fare recriminazioni del tipo "avessi saputo", "avrei potuto".

Hai sempre fatto il meglio che hai saputo fare, quindi nessun rimpianto, ma un saldo desiderio di un tempo nuovo, di un’altra primavera.

 

Accompagnare una Persona verso il Cambiamento è un Percorso delicato.

Abbiamo seguito molte Persone in questo Percorso

Mettere in atto un Cambiamento che generi davvero soddisfazione e benessere non è una passeggiata, ma ll Metodo Ihbes®, con le sue Teorie, gli Strumenti e le Mappe semplici e chiare può agevolare questo processo alchemico di trasformazione in quanto, prima di occuparsi del cambiamento ha fatto si che tu potessi conoscerti a fondo.

 

Dovrai certo tener conto dei correlati corporei, più o meno lievi che accompagnano il cambiamento, spesso veri e propri disagi fisici come influenza, raffreddore, disturbi intestinali e gastrici, piccoli incidenti.

Ci saranno forse dei sensi di colpa, sarà necessario avere delle strategie adatte in modo da non destabilizzare troppo, per quanto possibile il tuo ambiente.

Dovrai sceglire tempi e modi, ma adesso disponi degli strumenti per fare tutto questo e alla fine i risultati ottenuti ti premieranno  ampiamente degli sforzi sostenuti. 

Se lo vorrai, ti potrai essere realmente disponibile ad aprirti a una Ricerca Spirituale in grado di farti sentire integro, “in pace con Dio e con gli uomini”, disponibile ad accogliere le difficoltà con fiducia e le occasioni con gratitudine, sicuro di essere parte della meraviglia dell’Esistenza.

Non permettere che la paura sia più forte del desiderio di esprimere al meglio il tuo potenziale.

 

Il Cambiamento non è un atto, bensì un Processo e come tale si compone di diverse fasi:

  • smettere di lamentarsi e assumersi la responsabilità della propria esistenza;
  • conoscersi abbastanza da poter pensare al nuovo senza pregiudizi
  • mettere a fuoco cosa si desidera cambiare;
  • affrontare le resistenze al cambiamento stesso;
  • superare i sensi di colpa che derivano dal cambiare la visione di noi
  • immaginare il cambiamento come se fosse già avvenuto;
  • sentire nel profondo che quel cambiamento ci renderà più autentici;
  • identificare le strategie che rendano il più possibile accettabile ter tutti il cambiamento;
  • agire nella propria vita mettendo in atto concretamente quei cambiamenti che ora si sanno necessari per il miglioramento della qualità della vita stessa e per l'evoluzione della Coscienza.

Cosa fare durante il Processo di Cambiamento

Da vittima a protagonista.

Se ti lamenti o dai la colpa ad altri del tuo malessere significa che non ti stai prendendo la responsabilità della tua vita.

Anche se sentire il peso della responsabilità legato a una scelta ti fa sentire oppresso, puoi scegliere di mettere te al centro della tua vita.

 

Non temere il giudizio altrui.

Certo, è piacevole che gli altri ti approvino, ma in primo luogo devi essere tu soddisfatto del tuo operato.

Ricorda che il tuo valore e la tua identità non stanno negli occhi o nelle parole degli altri, ma dipendono in primo luogo da te.

Inoltre, il più delle volte, gli altri accetteranno senza problemi i nostri cambiamenti.

 

Tollera il senso di solitudine.

La principale paura, una volta presa la decisione di comportarti diversamente dal solito, è quella di rimanere solo o considerato strano.

Potrai poi accorgerti che la solitudine non è così drammatica, ma è una esperienza che, se vissuta con totalità, ti farà sentire più autonomo e più soddisfatto di te stesso.

 

Diminuisci il controllo.

Cerchi di controllare tutto quello che succede attorno a te, ma è bene comprendere che ci saranno sempre situazioni che non ti è possibile modificare.

Occorre quindi assumere e accettare l’idea che, laddove non puoi controllare, sia la qualità della fiducia a tranquillizzarti.

Gli avvenimenti accadono forse per caso, forse per destino, forse perché ne siamo artefici, ma che comunque sarai sempre tu a decidere se e in che modo vivere l'evento stesso.

 

Supera gli attaccamenti.

Quando un amore finisce, la paura di dichiararlo è talmente forte che ci paralizza.

Rimaniamo in relazioni infelici e poco nutrienti per anni, o per lo meno fino a quando non assumiamo la visione delle relazioni intime come un percorso funzionale alla conoscenza di noi stessi e al superamento dei nostri limiti e convinzioni depotenzianti.

A questo punto saremo in grado di non considerare più la fine di una relazione un fallimento, quanto piuttosto un’esperienza da ricordare con riconoscenza per ciò che ci ha insegnato e per ciò che ci ha permesso di divenire.


Il punto di svolta

Quando siamo pronti per mettere in atto un Cambiamento importante nella nostra vita, e cioè quando siamo Consapevoli di noi si può identificare un attimo preciso in cui il Cambiamento accade.

Riteniamo sia cosa di cui tutti si possa avere esperienza.

E' il mometo in cui si sceglie con determinazione e sicurezza, si accetta la sfida, si assume il rischio, è un attimo preciso in cui accade che siamo catapultati nel Cambiamento.

 

Nel Metodo Ihbes® facilitiamo il raggiungimento di questo momento e il conseguente realizzarsi di un Cambiamento profondo basandoci su alcune teorie e approcci la cui efficacia abbiamo concretamente verificato:

 

 

L'approccio Paradossale

Per andare via da New york la prima cosa da fare è essere a New york.

  • Arnold R. Beisser nella Teoria Paradossale del Cambiamento dice: “Il cambiamento accade quando iniziamo a essere quello che siamo e non quando si tenta di essere ciò che non siamo.” In altre parole il cambiamento avviene quando accetto come sono nel momento presente, non quando voglio essere qualcosa che non sono o che vorrei/dovrei essere.
  • Alexander Lowen sostiene che "Il cambiamento è frutto di un'esperienza, che va oltre la sola Consapevolezza mentale e che coinvolge corpo, mente ed emozione."
  • Van Der Kolk: "La guarigione dipende dalla conoscenza esperienziale: si può essere pienamente responsabili della propria vita solo se è possibile riconoscere la realtà del proprio corpo, in tutte le sue dimensioni viscerali."
  • Sergio Siccardi: "La fiducia nel Processo è ciò che serve per non arrendersi quando sembra impossibile si riveli un altra soluzione rispetto a quella che appare nel momento.

Il cambiamento reale avviene in modo paradossale

Lo sperimentano coloro che, in una Sessione con un Professionista, sospendono ogni tentativo conscio di cambiare.

Lasciando cadere le aspettative, la tensione tra ciò che dovrebbe o si vorrebbe essere e ciò che è si annulla.

seguendo questi passaggi può avvenire un vero e reale cambiamento interiore:

  • in questo momento (qui e ora);
  • mi accetto e mi amo per come sono (accettazione);
  • permettendomi di stare con tutti i pensieri, le sensazioni, le percezioni corporee ed i sentimenti presenti (coinvolgimento del corpo);
  • con Il mio respiro è acceso e presente (contatto);
  • ho fiducia che, nello stare a contatto con la situazione, rievocata nel modo più completo possibile, avvenga la trasformazione del Vissuto e degli stati d'animo a essa connessi.

Nel lavoro con le Persone vediamo molte volte confermata la Teoria paradossale del cambiamento.

Viene definita paradossale in quanto sembra impossibile che, semplicemente facendo si che la Persona rimanga in contatto completo con la rappresentazione, altresì metaforica, della situazione problematica, la stessa perda quel valore di "dramma" di cui era intrisa

 

Il valore dell'Immaginazione

Immaginare è un’arte da riscoprie, molto importante nel Processo di Cambiamento.

Permette di dare inizio alla magia, nello spazio dell’immaginazione nascono, preziose, le intuizioni che sono momenti fuori dallo spazio-tempo ordinario.

Sono quelle aperture della Coscienza che hanno dato sempre inizio alle più grandi scoperte dell’umanità.

 

L'attuale sistema educativo, i media, la tecnologia tendono allo sviluppo della parte più razionale di noi dimenticando la capacità creativa, la fantasia, l’immaginazione.

Limitando l' innata forza di generare pensieri trasformativi e di immaginare nuovi scenari ci allontaniamo da altri possibili modi di stare al mondo più affini alla nostra indole.

L’immaginazione non tiene conto delle probabili difficoltà, delle credenze limitanti, dei giudizi: vibra in uno spazio analogico, non conosce confini e restrizioni.

Le restrizioni appartengono ai limiti della mente razionale, quella che aderisce ad un modello conosciuto, accettato, logico e definito.

 

L’immaginazione è la capacità di riuscire ad vedere un progetto già realizzato, dove diventi regista e protagonista di un film nel quale si sviluppa il tuo piano di volo.

Immaginare è percepire nel corpo l’intensità di una relazione consolidata, funzionale, sostenente, che rispetta ciò che sei ed espande il campo energetico del cuore.

Immaginare è vivere adesso un’esperienza che trasforma la tua energia è accede allo spazio della soluzione dove puoi vedere già realizzato il tuo sogno.

 

Per questi motivi diventa più facile mettere in atto un Cambiamento quando riusciamo a immaginare la risultante del Cambiamento stesso 

 

 

 

 

 

 


Conclusione


Sei pronto?

Con il Percorso fatto fin ora hai fatto sei divenuto più consapevole. Forse ti senti pronto a dare un nuove senso alla tua vita, a mettere in atto quei cambiamenti che da tempo desideri.

Con la prossima Sessione inizieremo a lavorare su come generare un vero e concreto cambiamento e miglioramento della tua vita.


Esercizio 13

Scrivi su questo Form le tue risposte.
Nonostante lo spazio appaia limitato puoi scrivere anche un testo molto lungo.

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti