Integrative Holistic Body Emotional Sistem

Sessione 5


Gli introietti

Gli introietti sono regole che condizionano il nostro modo di stare al mondo, la nostra personale visione di come dovrebbero andare le cose, di come noi e gli altri dovremmo comportarci.

 

In una ottica gestaltica, gli introietti sono concetti, norme comportamentali, giudizi morali appartenenti a figure autorevoli o comunque importanti per noi (genitori, insegnanti, parenti o anche coetanei).

Li abbiamo assunti in modo dogmatico senza successivamente sperimentarne la veridicità attraverso l'esperienza diretta.

 

L'introiezione è uno dei più potenti ed efficaci metodi di insegnamento.

Da un punto di vista pedagogico l’utilizzo sano dell'introiezione è quella di farne uso fino a quando protegge il soggetto da esperienze troppo difficili o pericolose.

Quando siamo piccoli le regole non possono essere comprese più di tanto e pertanto gli introietti sono inevitabili.

In seguito, però, sarebbe opportuno permettere, o meglio stimolare, la Persona a verificare e fare esperienza della regola trasmessa in modo tale che, proprio facendone esperienza, possa decidere autonomamente se farla sua o rifiutarla in toto o in parte.

Purtroppo, spesso, questo passaggio non avviene e raggiunta l'età adulta siamo ancora intrisi di regole appartenenti ad altri che però riteniamo essere nostre.

 

Risiede qui la grande disfunzionalità dell'introiezione: è come aver ingerito un corpo estraneo.

Nell'introietto farò “come se” avessi fatto l'esperienza, basandomi invece solo sulle parole o sulle opinioni di altri.

Per esempio, se la mia amata nonna mi ha detto "quando mangi il gelato non devi bere acqua" e io considero queste parole come se fossero frutto di una mia esperienza continuerò a morire di sete ogni qual volta mangerò un gelato.

 

In alcuni casi può avvenire l’introiezione di elementi esterni in conflitto tra loro, ad esempio modelli genitoriali contrapposti e non comunicanti: questo può rappresentare una situazione di ambivalenza e di stallo che può generare faticosi conflitti interni.

 

Come riconoscere gli introietti

Quando in una sessione parlo con un cliente può succedere che senta "odore di introietto".

Lo sento quando le frasi ricorrenti sono spesso “devo” o “non posso”, oppure espressioni in seconda e terza persona come “non si fa”, “si deve”, oppure usa forme impersonali “bisogna, è necessario, è opportuno, etc.”

Quando l’introiettatore dice “io penso”, di solito intende “loro pensano”.

Il ragionamento è spesso incongruente. Sono espressi concetti tipo “le buone maniere sono più importanti dei bisogni personali più urgenti” o che “bisogna sorridere e sopportare”.

 

Se ti accorgi di dire spesso: "devo", "mi sento obbbligato","è necessario che" puoi verificare se a parlare sei proprio tu o se c'è qualcosa che ti fa sentire sbagliato nel caso disattenda quei diktat.

 

Smontare i nostri introietti è uno dei principali obiettivi di un Percorso di Cescita Personale in quanto, solo così saremo in grado di scegliere in autonomia.

 

Dove nascono

  • da parole e gesti che ci vengono rivolti;
  • da azioni manipolanti che inevitabilmente subiamo;
  • dalla mancante esperienza personale di vita.

A cosa servono

  • sono il più comune metodo di insegnamento
  • ci permettono di integrarci nel modello famigliare, ad identificarci con una ideologia;
  • a sentirci accettati, a sviluppare senso di appartenenza.

Cosa nascondono

  • la nostra difficoltà a mettere in discussione l'autorità;

Cosa proteggono

  • ci proteggono dalla fatica di scegliere, di decidere, di assumerci la responsabiità;
  • talvolta ci proteggono dal conflitto e dalla delusione.

Come ci se ne libera

le abitudini provenienti da introietti sono difficili da cambiare. I passi principali per smontarli sono:

riconoscere, restituire,rimanere vigili.

  • cerca e riconosci nel tuo agire quotidiano gli introietti che influenzano il tuo comportamento e le tue scelte;
  • metti a fuoco la provenienza del medesimo e restituisci al relativo "genitore" l'Introietto stesso. "Questa regola è tua, vabene per te. Rispetto il tuo pensiero, ma, per me, preferisco pensare/agire diversamente.";
  • sostieni gli inevitabili "sensi di colpa" derivanti dal rompere un introietto;
  • Gli introietti tendono a ripresentarsi. Rimani vigile.

Cosa si ottiene

libero dagli Introietti ti sentirai finalmente autonomo nelle tue piccole e grandi scelte.


Le Idee Fisse e le Convinzioni Limitanti

le Idee Fisse nascono quando, a seguito di un Vissuto, perdiamo la fiducia che, in una successiva situazione simile, le cose possano andare in modo diverso.

 

Rimaniamo cioè attaccati alla modalità in cui abbiamo affrontato la prima volta l'episodio, oppure ci convinciamo che l'esito palesatosi la prima volta si ripeterà sempre uguale.

Diamo così troppo valore all'episodio vissuto e alla soluzione o al risultato derivante.

La nostra idea su come andranno di nuovo le cose diventerà ben presto una Convinzione Limitante o Depotenziante, un pensiero che non ci permetterà di essere creativi, originali o semplicemente efficaci nell'affrontare una situazione nuova.

 

Dove nascono

  • dalla scarsa predisposizione alla curiosità e alla ricerca del nuovo;
  • da un atteggiamento di comodo;
  • da un’Indole più remissiva, accomodante, accondiscendente, acquiescente, arrendevole, cedevole, condiscendente, docile, malleabile.

A cosa servono

  • a fornirci una strategia rapida ed economica di risposta alle situazioni che ci si presentano;
  • a muoverci nell’ambiente con il minimo dispendio di energia;

Cosa nascondono

  • la nostra difficoltà a metterci in discussione;
  • insicurezza, sfiducia o paura del cambiamento;
  • anche un po’ di pigrizia mentale.

Cosa proteggono

  • la nostra immaturità relazionale, dalla paura del nuovo, del non conosciuto;
  • proteggono memorie di Vissuti che non ci sentiamo pronti ad affrontare;

Come ci se ne libera

Elaborando i Vissuti, che le hanno dato origine alle Convinzioni Limitanti, saremo in grado di liberarci anche da questi ultimi

 

Cosa si ottiene

Liberi da Convinzioni Limitanti potremmo navigare in un mare aperto, fluire nelle esperienze, regalandoci la possibilità raggiungere nuovi impensabili orizzonti e generare reali cambiamenti nella nostra esistenza.


Esercizio 5

Scrivi su questo Form le tue risposte.
Nonostante lo spazio appaia limitato puoi scrivere anche un testo molto lungo.

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti