Integrative Holistic Body Emotional Sistem

Sessione 9


Elaborare i Vissuti

Precisazione:

L'elaborazione dei Vissuti è uno degli aspetti più importanti in un Percorso di Crescita Personale.

Nel Metodo Ihbes® ci interessiamo a quelli che influenzano ancora oggi le modalità relazionali con cui la Persona si muove nel mondo.
Non ci riferiamo a traumi o a situazioni che richiedano di essere trattati con una psicoterapia. In osservanza delle buone pratiche del Counseling Relazionale ci limitiamo a rivisitare i Vissuti nella misura in cui sono raccontati dal Cliente, in quanto presenti nel qui e ora, in relazione alla loro influenza sul Carattere e sull'Empatia. Lavoriamo cioè su una situazione e non sulla Persona.

 

Lo spazio dei Vissuti, se non elaborati e accettati, è sovente uno spazio di inquietudine, di temi irrisolti, di emozioni percepite come destabilizzanti o frustranti, di nostalgia, rimpianto e giudizio.

Oltre alle manifestazioni di disagio che possono provenire dal ricordo di un Vissuto non elaborato il pericolo più grande è rappresentato dal fatto che, dal momento che detto Vissuto ha generato tutta una serie di Convinzioni limitanti, le stesse non permettanno alla Persona di accedere ad un auspicato cambiamento nella propria vita.

 

Se, inconsapevolmente, abitiamo questo spazio, siamo in una condizione di vulnerabilità, lamento, vittimismo e pessimismo.

La risposta tipica alla domanda “Come va?” è: “Tiriamo avanti…”

 

Quando, in un Percorso di  Crescita Personale, elaboriamo un Vissuto possiamo far tesoro degli insegnamenti che ha prodotto per poi lasciare che il Vissuto stesso divenga semplicemente un episodio della nostra vita.

Potremo ricordarlo con piacere, oppure con una certa sofferenza o ancora possiamo desiderare di dimenticarlo, ma comunque non avrà più influenza inconscia sui nostri pensieri e sulle nostre azioni.

L'Esperienza è la risultante del vissuto elaborato tramite la riflessione, la condivisione e l'ampliamento dei punti di vista alla luce della Presenza e della Consapevolezza.

 

La conoscenza delle risultanze cognitive ed emotive che il Vissuto ha avuto su di noi ci darà indicazioni rispetto alla Tendenza che ha sviluppato.

La vita presenta spesso situazioni che sembrano il copia/incolla di momenti già vissuti.

Sarà in questi casi che si dovrà portare particolare attenzione alla Tendenza che prenderà il sopravvento per evitare di agire inconsciamente delle azioni di cui potremmo pentirci  e per andare verso la soddisfazione le nostre reali necessità

 

Non crediamo ci siamo formule magiche per elaborare un Vissuto.

Elaborare significa portare Consapevolezza nel Vissuto stesso, riconoscervi le nostre responsabilità, comprendere il punto di vista dei personaggi che vi partecipano, renderci conto del disegno che ha generato quel particolare episodio nella nostra vita, modificare il punto di vista sulla storia nel suo insieme, per estrarne infine l'esperienza, l'insegnamento in grado di produrre un reale cambiamento.

 

E' un lavoro di pazienza, richiede la disponibilità a rivedere le nostre posizioni,

 

Come vedremo l'elaborazione potrà essere fatta in parte in autonomia e in alcuni casi con l'aiuto di un Professionista.


Elaborazione del Vissuto attraverso la Scrittura

Gli Strumenti elettivi per l'elaborazione di un vissuto sono:

  • la rilfessione;
  • la Condivisione;
  • il coinvolgimento emotivo (contatto).

Condividendo, sia verbalmente con un altro essere umano in grado di mettere in atto un ascolto partecipe, sia per iscritto, il primo vantaggio che si ottiene è quello di porre la situazione al di fuori di noi e poterla quindi osservare da una nuova prospettiva.

 

Molti studi scientifici dimostrano come scrivere sia un aiuto efficace per elaborare gli accadimenti della nostra vita, specialmente quando le cose non sono andate nel modo in cui avremmo voluto.

 

Scrivere consente di far rallentare i pensieri, di dare loro una forma e collocarli in uno spazio; stimola ricordi dimenticati, alleggerisce le tensioni, riordina le emozioni.

E' possibile che all'inizio ci si trovi confusi di fronte a un foglio di carta o alla tastiera del computer come confuse sono le emozioni e i sentimenti che si provano ripensando ad un determinato episodio, ma poco a poco, lo scrivere aiuta a raccontarsi e sentirsi in modo diverso, in un modo nuovo.

 

Nel Metodo Ihbes®, il cui intento è quello di fornire a più Persone possibile strumenti concreti per poter fare, in tutto o in parte, un Percorso di Crescita Personale, il modo più semplice per l'elaborazione di un Vissuto è proposto con questa Tecnica:

  1. prediti un tempo per te, trova un luogo dove nessuno possa disturbarti per delle sessioni di circa un ora;
    pensa a un episodio della tua vita con cui ancora oggi non ti sia pacificato;
  2. scrivilo sinteticamente, ma in modo che anche una persona che non sia al corrente dei fatti possa capire;
  3. fermati per un giorno almeno;
  4. riprendi in mano il tuo scritto, rileggilo, se vuoi, anche ad alta voce;
  5. siedi, adesso, meglio se chiudi gli occhi, e fai tre profondi respiri con la bocca aperta. In seguito mantieni un po' più alto del solito il volume del tuo respiro;
  6. senti le emozioni che emergono in te, non giudicarle, osservale solamente e rimani con esse;
  7. rimani per un po' con questi stati d'animo poi fai nuovamente tre profondi respiri, sciogli eventuali tensioni nel corpo con qualche movimento e rilassati;
  8. riprendi a scrivere raccontando il tuo stato d'animo di adesso. A fine dello scritto rispondi alla domanda:
    • qual'è la tua responsabilità in questo frangente?
    • cosa questa vicenda ha permesso che in seguito accadesse? 
    • cosa non saresti oggi o cosa ti mancherebbe se questo evento non si fosse verificato?
    Poi chiudi tutto e se possibile fai una passeggiata;
  9. il giorno successivo scrivi raccontado nuovamente l'episodio come lo racconterebbe uno dei personaggi chiave della storia;
  10. il giorno dopo (o almeno dopo qualche ora) rileggi prima la tua narrazzione (punto 2) e poi quella della persona coinvolta (punto 9). Nuovamente siedi, meglio se chiudi gli occhi, fai tre profondi respiri con la bocca aperta, mantieni un po' più alto del solito il volume del respiro e senti le emozioni che emergono in te, non giudicarle, osservale solamente e rimani con esse;
  11. come precedentemente, rimani per un po' con questi stati d'animo poi fai nuovamente tre profondi respiri, sciogli eventuali tensioni nel corpo con qualche movimento e rilassati;
  12. adesso alzati, vai davanti a uno specchio e guarda la tua immagine, guardati con benevolenza e amore, mantieni il volume del respiro acceso e ascolta i tuoi sentimenti: qualcosa potrebbe essere cambiato;
  13. scrivi adesso di getto quanto percepisci nel corpo (percezioni: es: calore, tensioni, pesi, vuoti ecc.) e le emozioni che accompagnano il tuo attuale stato d'animo;
  14. Il giorno dopo riprendi in mano e rileggi la prima stesura (punto 2), dove hai raccontato la vicenda per la prima volta, metti per iscritto il tuo stato d'animo di adesso;
  15. dopo una pausa confronta l'ultimo scritto (punto 14) con il precedente dove descrivevi il tuo stato d'animo dopo la prima lettura (punto 8). Le differenze potrebbero essere significative, indice di una elaborazione del Vissuto stesso.
  16. Ultimo punto scrivi che cosa hai imparato dall' episodio dellatua vita che hai elaborato.

Questa Tecnica ha dato molte volte dei buoni risultati, ma non sempre è sufficiente a pacificare totalmente la Persona con un episodio significativo della sua vita.

La motivazione sta nel fatto che, a volte, per andare oltre un Vissuto, e cioè far sì che il ricordo di esso non generi più in noi dolore, frustrazione, rimpianto e altri stati d'animo simili, è necessario coinvolgere, oltre alla comprensione cognitiva, e emozionale anche i correlati corporei che la connotano.
In questo caso è molto importante l'aiuto di un Professionista.


Identificare la Tendenza dominante nel presente

Abbiamo visto (con l'esempio di Luigi) come, non tener conto della Tendenza di cui sentiamo maggiormente gli influssi in un determinato periodo, possa generare gravi conseguenze relazionali.

 

Interrogarsi sulla Tendenza predominate nel momento è importante per evitare che essa agisca inconsciamente e per orientare pensieri e azioni verso la soddisfazione delle nostre reali necessità.

 

Nella Sessione 4 hai già messo a fuoco quale sia la Tendenza che maggiormente ti influenza da sempre.

Sai anche che in ogniuno di noi abitano sia la Tendenza al Piacere, che all'Invasione che all'Abbandono, e che, a seconda delle situazioni presenti in un determinato momento della vita è possibile che ci sentiamo spinti ad agire in base ad una Tendenza diversa da quella che di solito ci influenza.

Per scoprire quale sia la Tendenza dominante del periodo puoi porti domande simili alle seguenti:

  1. Sento forte la necessità di un momento di riposo e di svago?
  2. Sento il desiderio di rinnovare: l'arredamento, l'abbigliamento, il mio aspetto, ecc. ecc.?
  3. Desidero fare nuove conoscenze?
  4. ho spesso la sensazione di sentirmi solo?
  5. ho l'impressione che Partner o figli o amici si stiano dimenticando di me?
  6. Vado sovente nel passato a rimuginare su vecchi episodi della mia vita?
  7. Sento un grande bisogno di libertà?
  8. Le persone in genere mi annoiano facilmente?
  9. Sento il desiderio di prendere dei tempi solo per me?

Si alle domande dal 1 al 3 indicano influenza della Tendenza al Piacere.

Si alle domande dal 4 al 6 indicano influenza della Tendenza all'Abbandono.

Si alle domande dal 7 al 9 indicano influenza della Tendenza al Invasione.

 

Come vedi è semplice portare l'attenzione (con domande simili a quelle elencate a titolo di esempio) a quale sia la Tendeza che, nel presente, soggiace nel  tuo inconscio.
Evidenziata la Tendenza predominante nel momento sarà più facile mettre a fuoco che cosa ti serve per stare meglio e chiarire i tuoi obiettivi.


Esercizio 9

Scrivi su questo Form le tue risposte.
Nonostante lo spazio appaia limitato puoi scrivere anche un testo molto lungo.

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti